Susa Home

 Ambiente
 La città
 Susa by night

 
Nevicate
 2006 fascino diurno
 
2006 fascino notturno
 
2012 giorni glaciali NEW
 
2012 notti glaciali NEW

 Luoghi di culto

 Cattedrale San Giusto
 
Campanile di S. Giusto
 
San Francesco
 
San Carlo
 
Chiesa del Ponte


 C'era una volta
 In memoria di..
 Castello di Adelaide
 Castello lavori
 
La polveriera
 La colombaia

  
 Archivolto
 Bed & Breakfast
 Photo-Garage
 Ristrutturazioni

 

 Vedi anche
 
 Mappa delle Foto
 Susa
 
 Reportage
 Palio di Susa
 
Rievocaz. Celti-Romani
 
45° Castagna d'oro
 Eclisse di luna da Susa
 
Alluvione 2008
 
Susa - Moncenisio '06
 

 Panorami
 Visita Susa a 360°
 Panorami di Susa
 

 Video
 Alluvione 2008
 Sfilata Palio di Susa 03
 Archivolto B&B
 

 Meteo
 Susa Meteo



 



Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !









 
 
 

Home >> Susa >> C'era una volta >> Castello

Il castello della Marchesa Adelaide. 

Visita del 2005   Lavori 2007

Il Castello visto all'alba dalle alture dell'Ecova



    
Visita del 2005: Dall'esterno    Cortile    Interni    Nei pressi..    Lavori 2007
 
 

   Il castello di Susa, anche denominato "della Marchesa Adelaide", è situato a Sud Ovest del centro
   storico segusino a circa 700 metri dalla Cattedrale di San Giusto.
   La data di costruzione è ancora incerta, edificata dai primi sovrani della valle, ed abitata dai Cozi,
   la struttura ha subito molti rimaneggiamenti prima di diventare la residenza dei marchesi di Susa.
 
   Olderico Manfredi II, Marchese di Susa e Conte di Torino con Berta Obertagna dei Marchesi d’Este
   furono i primi a stabilire qui la loro dimora, ma soprattutto ci visse la figlia primogenita, la marchesa
   Adelaide, detta anche "La Beata Adelaide" il personaggio più noto della storia millenaria di Susa,
   che qui ha cresciuto i suoi figli: Pietro, Oddone e Amedeo, divenuti in seguito principi di casa Savoia.

   Adelaide, nacque nel castello di Susa intorno all'anno 1015, la madre morì in giovane età, lasciando
   soli i quattro figli, Adelaide, Immilla, Berta ed un figlio mancato in giovane età nel 1034.
   Sposa, Marchesa, vedova, e sopratutto madre, visse ed operò alla luce delle virtù cristiane;
   tale da essere denominata “Beata" e per l’appoggio dato alla Chiesa: “figlia di S. Pietro”.
  
   Degna nipote di Arduino d’Ivrea, il bisnonno che nel 976 cacciò i saraceni dalla Valle di Susa,
   la Marchesa considerava bellezza e ricchezza cose passeggere, valutando le virtù come gloria duratura.
   Adelaide trascorse gran parte dell’adolescenza fra armi, guerre e stragi, indossando lei stessa la corazza.
   Dotata di forte temperamento
seppe districarsi tra le autorità spirituali e temporali in eterna lotta tra
   loro per le investiture ecclesiastiche dell'epoca, resa oscura dalle continue guerre e dalle pestilenze.
  
   Il marchese, suo padre, rimasto vedovo divise fra le tre figlie rimaste i suoi possedimenti, dei quali
   la maggior parte (tutte le terre tra Ivrea e Ventimiglia), andò alla figlia primogenita Adelaide;
   ma la potenza di Olderico Manfredi di Susa, conte di Torino, era prevalentemente di tipo militare,
   non trasmettibile ad una donna, per giunta sola, per cui alla morte del padre, la giovane principessa,
   a soli sedici anni nel 1035, andò in sposa ad Ermanno III duca di Svevia.
  
   Fu un matrimonio breve, perché il duca Ermanno nel luglio 1038 morì di peste, senza aver avuto un
   erede; Adelaide che all'epoca aveva 22 anni, si risposò con Arrigo I (Enrico I) marchese del
   Monferrato, ma nel 1044 rimase di nuovo vedova.
   Per evidenti ragioni di Stato fu necessario ricorrere ad un terzo matrimonio e la giovane vedova
   sposò nel 1045 Oddone I (1020 ca. - 19/2/1059), conte di Savoia, Aosta, Moriana, secondogenito
   del capostipite sabaudo Umberto I Biancamano.
   Dai 14 anni di matrimonio, vennero alla luce cinque figli; Pietro I († 1078), Amedeo II († 1080),
   Berta († 1087), Adelaide († 1079), Oddone († 1102) futuro vescovo di Asti;
   ben quattro di essi premorirono alla madre, rimasta di nuovo vedova nel 1059.
   Adelaide morì il 19 dicembre del 1091 a Canischio in provincia di Torino.
  
   Dopo essere stato dimora di Adelaide, il Castello lo è stato dei suoi discendenti, e tra il 1213 e il 1214
   ha visto anche la presenza di San Francesco d'Assisi, in viaggio verso la Francia.
   Dopo la pace di Chateau Cambresis, nel 1559, e il ritorno della valle di Susa ai Savoia, il Castello ha
   ospitato l'incontro che ha suggellato la breve pace che terminerà nel '600 con le guerra con la Francia.
  
   Nel 1629 Luigi XIII e il cardinale Richelieu soggiornarono a lungo nella fortezza, in seguito dopo un
   progressivo abbandono, nel 1806 con un decreto napoleonico, i Sabaudi furono privati del Castello
   che fu affidato alla municipalità, con l'obbligo di aprire al suo interno delle scuole.
   Dopo il 1814 è diventato sede del supremo comando militare e politico della città e della valle.
   L'utilizzo scolastico dell'opera, fu quello più duraturo: oltre 150 anni in cui furono stravolti interni ed
   esterni della costruzione originale, ad oggi (2006) sede del Museo Civico, e della Biblioteca.
  
   Le parti originali della struttura sono oggi poche e frammentarie a causa dei vari interventi
   succeduti nei secoli. L'aspetto attuale gli deriva dalla ristrutturazione effettuata nel 1750 in occasione
   delle nozze tra Carlo Emanuele III e l'infanta Maria Antonia, mentre dell'antica costruzione medievale
   rimangono le bifore e le caditoie, fori dai quali si lanciavano sassi e olio bollente per la difesa ravvicinata.



Panorama 360° dai tetti del centro storico
 
 

   Il Castello visto dall'esterno  (TOP)

Vista dal belvedere
Vista da La Losa
Vista dal mon Morrone
L'antico acquedotto
Vista da Nord
Vista dall'Ecova
Vista da N-Est
Vista da Est sui tetti
Vista da Sud
Spigolo Sud-Est
Facciata Nord
Spigolo S-Est dal basso
Facciata Sud
Facciata Est
Entrata attuale

   Visita del cortile  (TOP)

Vista verso l'entrata
Scalinata accesso
Antico accesso
Muro e rovine
Ad Alberico Balbiano
Muro perimetrale
Ingresso museo
Ingresso museo
Facciata Sud
Facciata Sud





 
  Visita interna  (TOP)


    Il castello con il suo Museo ormai chiusi da tempo, in queste poche immagini del 2005 non appaiono se non per il riutilizzo
    temporaneo come biblioteca, e pretura durante i restauri conservativi degli edifici in Via Palazzo di Città.
    L'abbandono, il degrado, e l'utilizzo di alcune zone della struttura come discarica elettorale non rendono merito a quest'opera
    dove un tempo nacquero da Adelaide i Principi di casa Savoia: Pietro, Oddone e Amedeo.

Facciata Sud Ovest
Scalinata accesso 2°
Ingresso 2° lato cortile
Ingresso 2° dall'esterno
Bifora lato Sud Est
Biblioteca
Tela in biblioteca
Corridoio 1° piano
Aula a Sud Ovest
Vano con immondizie
Ex aule lato Sud
Ex aule scolastiche
     





 
  Nei pressi del Castello (TOP)

A nord del Castello
Cesare Augusto
Parco di Piazza Pola
Monumento a Cesare
Vista sul Rocciamelone
Antica fontana
Vista verso Est
Vista verso Nord
   
Visita 2005    Lavori 2007
 



Dal 9/04/2008 questa pagina è stata visitata Hit Counter volte



Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 539 visitatori nel sito