Montagna

 Assietta

  Percorsi
  
Luoghi
  
Fortificazioni

 Chaberton

  I sotterranei

 Rocciamelone

  La vetta
  
Percorsi
  
Rifugi
  
Borgate
  
Rovine militari

 Itinerari

  Gran Pertus
  
Jafferau
  
Pramand
  
Someiller
  
Colle Clapier  NEW
    Val Clarea
   
Clarea Col Clapier
   
Caserma Clapier
   
Col Clapier Montcenis

 Vedi anche
 
 
Mappe satellitari
 
 Video volo virtuale
 
360° Costa rossa
 
360° Col delle finestre
 
360° Testa Assietta
 
360° Rocciamelone
 
Corsa Stellina 2008
 
Rievocaz. storica 07
  Forum sul
Assietta Tou
r

  





Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !





 


Archivoltogallery
forum




La comunità del sito
con Forum di discussione
su fotografia, fortificazioni Moncenisio e Rocciamelone

 
 

Home >> Montagna >> Percorsi >> Gran Pertus

Il Gran Pertus; opera idraulica (1° Album)

Pochi metri all'interno dell'opera entrando da Sud



    
160 immagini in 2 album:  Album 1    Album 2   
 
 

   Quest'opera civile, è un traforo detto “Pertus” (pertugio in italiano) realizzato in alta valle di Susa nella montagna dei 4
   denti, una canalizzazione idraulica lunga circa 500 metri, larga circa 80-120 cm e alta da 1 a 2,5 metri situata a 2000
   m. di quota a Nord dell'abitato del comune di Chiomonte.
   
   Lo scavo, tutt'ora utilizzato dal medio-evo, è in grado di derivare parte delle acque provenienti dal versante Nord
   dell'inverso nei pressi delle Thullie, più fresco e umido a causa della sua esposizione che favorisce nevi più abbondanti
   e durevoli e per questo ricco di acque provenienti dal Rio Tornori, a vantaggio delle località di Ramats e Cels,
   rispettivamente nei comuni di Chiomonte ed Exilles.
  
   Diverse le correnti di pensiero, ma prendendo atto dei testi della ricercatrice Maria Ada Benedetto e sostenuti dallo
   studioso Stefano Delfino, in particolare "Il regime fondiario e i contratti agrari nella vita delle comunità subalpine
   del periodo intermedio" del 1982, appare evidente che la costruzione del cunicolo fu iniziata nel 1300 in virtù
   dei documenti conservati nell’Archivio Comunale.
  
   Il traforo inizialmente ritenuto opera di un uomo solo, stando al documento della ricercatrice, dovrebbe quindi essere
   stato creato nel 1300 a spese della comunità di Chiomonte per venire incontro alla crescente necessità idrica,
   dovuta all'ottima esposizione al sole di questo versante che dal medio-evo viene coltivato a vite.
  
   Nel 1500 l'intero impianto, ormai obsoleto e occluso dalle frane, fu allargato e rimesso in funzione da un certo Colombano
   Romean, originario di Saint Gilles (Diocesi di Nîmes) un uomo che, lavorando in solitudine dal 1526 al 1533,
   ampliò e diede l'aspetto attuale alla lunga galleria.
  
   Si dice che con una media di circa 20 cm al giorno, Colombano Romean porta a conclusione il suo lavoro in 7 anni di dura
   vita da minatore, la paga del suo lavoro era stabilita in 5 fiorini e 12 soldi per ogni tesa scavata nella roccia
   (1 tesa = 1,786 metri).
   Sicuramente dovette affrontare molte difficoltà tecniche come l'aerazione del luogo dello scavo, l'asporto dei detriti
   e l'assoluta mancanza di luce che all'epoca poteva essere creata solo da candele.
  
   Al termine della sua fatica ricevette la somma di 1600 fiorini, (320 scudi).... ma una misteriosa leggenda narra che

   a lavoro ultimato sia stato ucciso per avvelenamento onde evitare di pagarlo ! 
  

   La faccenda quindi si complica con un omicidio del quale si sa ben poco, a questo punto qualche interrogativo..
   quale sarà la verità ? E da dove fu iniziato lo scavo dell'opera secondo voi ?
   Scrivetemi se e sapete qualcosa di più e partecipate al Forum !
  
   La visita effettuata al tunnel qui illustrata in queste pagine, risale a settembre 2008 e mostra l'intero percorso interno
   a partire dalla bella mulattiera che parte dalle Grange Rigaud 1400 m. circa..
   Per raggiungere la mulattiera si può arrivare con l'auto passando dalla frazione S.Antonio di Ramats fino alle Grange Rigaud,
   diversamente a piedi vi è il sentiero balcone che tocca le Case Alberet e Rigaud.
 
   Si raggiungono le Grange Pertuso (a pochi metri dal traforo) e qui vi è un bivio ben segnalato da cartelli con le distanze

   in ore di marcia un po' esagerate, ma non spaventatevi (viene dato per 6 ore di cammino il raggiungimento dell'opera
   dalle case Rigaud quando anche i più lenti lo percorrono in non più di 2 h) dicevamo a questo bivio si può optare di
   raggiungere in breve (25 minuti) il colletto tra i denti per aggirare il traforo e percorrerlo in discesa entrando dalle
   Grange Thullie, oppure entrare nel tunnel da dove sgorga l'acqua e fare il giro del colletto una volta usciti dalla grata
   a monte (nord).
   Per chi è pratico è anche possibile raggiungere il Gran Pertus dalla borgata Amburnet.
 
   All'interno del tunnel, interamente scavato nel calcare, potrete riconoscere i segni dello scalpello utilizzato da Colombano

   Romean, trovare le nicchie dove venivano messi i lumi per l'illuminazione, riconoscere parecchie croci scolpite, visi,
   e addirittura i "Gigli di Francia" probabilmente a simboleggiare la frontiera, in quanto un tempo da queste parti ed
   esattamente fino al 1713 vi era il confine con il delfinato.
   Ancora oggi è possibile vedere lungo la statale il pilone confinario tra Chiomonte e Gravere.
 

   Oltre a queste curiose incisioni potrete attraversare due cascatelle e mini laghetti profondi anche 1 metro dove il bagno,
   se ce molta acqua è garantito, è quindi indispensabile l'utilizzo degli stivali, meglio se non bucati come i miei, in quanto
   la gelida acqua di fusione renderà l'escursione pessima.
   Nel complesso l'attraversamento non comporta rischi notevoli, ma sappiate che l'escursione attraverso il Gran Pertus

   è completamente a vostro rischio e pericolo.


   Per concludere alcuni piccoli consigli per chi volesse affrontare l'attraversamento del tunnel:

      - Avere con se 2 torce a testa ben cariche e/o pile di ricambio, l'interno è buio pesto

      - Utilizzare stivali funzionali possibilmente alti

      - Avere un paio di calzature e calzettoni di riserva nello zaino al riparo da schizzi

      - Acqua da bere, non so perchè ma stando coi piedi a mollo viene sete :-)

      - Se fate foto usarete un grandangolo con flash elettronico con pile ben cariche o pile di ricambio
  
      - Se fate video avere con voi un illuminatore con pile ben cariche o pile di ricambio
  
  
   Un'ultima cosa; forse un'ultima leggenda.. tramite i testi dello scrittore e studioso Stefano Delfino, probabilmente
   il nome dato alla montagna del "Pertus" i "4 denti" deriva non dalle sue punte somiglianti a denti, ma sarebbe stata
   chiamata così perché le rocce appuntite sulla cima ricordavano i denti superstiti nella bocca del Prevosto Giovanni di Bigot.
   Costui resse la Prevostura di Oulx dal 1366 al 1406 e restò popolarissimo in Chiomonte sia per aver concesso i primi Statuti
   sia per le sue doti di saggezza e di umanità.

   Ed ora ecco le immagini divise in due album:  
Album 1  e  Album 2



   Giungendo dalla mulattiera che parte dalle Grange Rigaud  (TOP)

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.





 
  Inizio della visita interna da Sud a Nord (da valle verso monte)  (TOP)


    Ecco come si presenta l'accesso del cunicolo da Sud, rivoli d'acqua assieme a umidità escono dalla cavità.
    Indispensabili gli stivali, magari un po' più alti di quello arancione nella foto.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.






  Vedi anche:

Valle di Susa

Comune di Chiomonte

 
       
 
 



Dalla sua pubblicazione questa pagina è stata visitata Hit Counter volte




Album 1    Album 2





Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 6082 visitatori nel sito