Montcenis
  
 
L'ambiente
 Strada in estate
 Strada in inverno
 
Diga in estate
 
Diga in inverno
 
Piana delle fontanette
 
Borgata Gran Croce
 
Piana di San Nicolao
 
Ghiaccio
 
Animali
 
Ricordi sommersi
 
Profilo altimetrico
  
 Fortezze
 Forte Varisello
 Forte Roncia
 
Forte Cassa
 
Forte Pattacroce
 
Forte Malamot
 
Forte Turrà
 
Forte Montfroid
 
Batteria La court
 
Batteria Paradiso


 Bunker

 
 Caposaldo Malamot
   Centro 1
   
Centro 6
   
Centro 7
   
Centro 8
   
Postaz. Corna rossa
   
Ricoveri del Giaset
   
Teleferica Malamot
  
Batteria B2

 
 
Capos. Pattacroce
   Centro 10
   
Centro 11
   
Centro 12
 
 
Caposaldo Ospizio
   Centro 18
   
Centro 19
   
Centro 20
  
Centro 21
  
Batteria B3
  
Postazione 29
 
 
Caposaldo Roncia
   Centro 22 e Bat. B4
   
Centro 23
   
Centro 23 B
   
Centro 24
   
Postazione 30
  Opere varie
   Teleferica Ferrera
   
Opera 302
 

  Vedi anche
 
  Mappa opere
 Piana delle fontanette
 Forte Roncia
 
Caposaldo Malamot
 
Forte Turrà

 
  Video
 In volo su Montcenis
 
Apertura 2009
 
Volo con Google Earth
 
Forte Pattacroce
 
Forte Roncia
 
Forte Malamot
 Festa dell'amicizia 05

 
  Reportage
 Inverno 08-09
 
Susa Moncenisio 06
 
Festa Moncenisio 06

 
  Panorami
 Panor. interattivi 360°
 
Panorami statici
  Forum sul
Moncenisio




Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !









 
Home >> Moncenisio >> Fortezze

Le fortezze del Moncenisio


Forte Varisello, il più grande, fotografato dalla strada militare che porta al Forte Malamot
v
 


       Forte Varisello    Forte Roncia    Forte Cassa    Forte Pattacroce    Forte Malamot    Forte Turrà    Forte Montfroid
                                                    Batteria La court    Batteria Paradiso    Bunker


In queste pagine sono organizzate le immagini delle ricognizioni fotografiche effettuate da Flavio Mariazzi alle fortezze
del valico del Moncenisio realizzate dalla fine dell'800 ai primi del '900 negli anni precedenti il primo conflitto mondiale.

Il trattato di pace del 1947, spostando il confine di una decina di Km verso l'Italia, ha preservato molte opere ex italiane
dalla demolizione post-bellica prevista dal successivo decreto del 18 Luglio 1948.
Se non per il
forte Roncia, al momento (siamo nel 2007), nessuno si è ancora preoccupato di provvedere alla restaurazione
e conservazione delle fortezze del Moncenisio, anzi con l'edificazione della diga alla fine degli anni '60 si sono perdute per
sempre due opere interessanti; le
batterie Paradiso e il forte Cassa.
Per chi lo desidera può essere interessante visionare anche le opere della linea difensiva arretrata; le Batterie sul Pampalù
alle pendici del monte Rocciamelone.
Le opere visitate quasi tutti nel 2006, si presentano completamente bonificate da mine, disarmate e private dei loro
equipaggiamenti, nonché delle armi, munizioni e impianti, pavimenti e solai, vedi ad esempio il forte Varisello (il più grande).

Quasi tutte le opere sono state dichiarate obsolete ancor prima della seconda guerra mondiale (Che in questa zona non si è
combattuta in quanto alleati della Francia) quindi negli anni 30 prima del secondo conflitto mondiale sono state rimpiazzate con un imponente sistema difensivo interamente realizzato in caverna, i bunker, opere riunite in capisaldi autonomi, scavate

interamente nella viva roccia e gettate in calcestruzzo per resistere i colpi delle armi moderne.
Tranne le batterie, le fortezze durante la prima guerra non combatterono, ma talune furono riutilizzate durante il secondo conflitto mondiale con veloci restauri come magazzini e caserme.

 
 
 

 

  Forte Varisello        
 
85 immagini
 
 

   Il forte Varisello a m. 2106 s.l.m. è la fortificazione più grande del Moncenisio, completo
   di ricoveri scavati nella viva roccia, situati sopra la strada che porta ai forti Pattacroce e
   Malamot e a valle, fu realizzato a fine '800 e disarmato ai primi del '900.
   Entrando dal ponte levatoio, è possibile visitare la struttura su due
   piani, dove una rampa dava accesso al piano inferiore..
>>

 

  Forte Roncia     
  
58 immagini
 
 

   Pendici del monte Roncia quota m. 2294 s.l.m., uno dei pochi forti non rimosso a causa
   della realizzazione della diga.
   Costruito tra il 1877 e il 1880 il forte Roncia è una delle opere più significative della zona.
   Raggiungibile dal piano delle fontanette a piedi in 20 minuti di cammino, ora si presenta restaurato
   e visitabile dal pubblico in piena sicurezza..
>>

 

  Forte Cassa
  
15 immagini

 
 

 
 Ormai irriconoscibile, in quanto distrutto e inglobato dai lavori di realizzazione dello
   sbarramento della diga negli anni '60, ci lascia in suo ricordo una parte di impedimento
   lineare creato da due muraglie al di sopra del forte vero e proprio; la tagliata, poi
   alcuni vani con feritoie chiuse dal terreno franato, riservette, e l'ingresso con l'effigie
   della Stella d'Italia sulla sommità (vedi le immagini)
>>

 

  Forte Pattacroce
  
37 immagini

 
 

 
 L'opera è un complesso difensivo realizzato ad una altezza di 2400 m. per contrastare
   eventuali attacchi dal piccolo Moncenisio, e incrociare il fuoco con forte Roncia.
   Si trova nella parte estrema del massiccio del Malamot al termine del contrafforte N-Ovest.
   La batterie che veniva chiamata dai francesi "Pattecreuse" è di forma poligonale,
   circondata da un fossato con ponte levatoio, era armata con 12 cannoni e 2 mortai
>>

 

  Forte Malamot 
  
64 immagini
 
 

 
 Caserma difensiva Malamot, realizzata sul monte omonimo per evitare infiltrazioni francesi nella conca
   del lago Bianco o della Pattecreuse, è l'opera realizzata all'altitudine più elevata di tutto il complesso
   difensivo del Moncenisio, essendo realizzata ad una quota di m. 2913. s.l.m.
   Un opera necessaria anche per gestire il colle del Giaset e i vari appostamenti d'artiglieria, tra cui le batterie
   Malamot con 12 cannoni rivolti sul fronte Nord-Ovest.  (vedi le immagini)
>>

 

  Forte Turrà 
  
145 immagini
 
 

   Realizzato sul monte Petite Turrà, al di sopra (Ovest) del colle del Moncenisio, con il suo osservatorio
 
 
e le cannoniere affacciate sulla diga, il forte si trova in posizione nascosta e defilata rispetto all'altipiano
 
 del Moncenisio.  Un'opera realizzata dalla Francia nel decennio 1891-1901 a difesa del confine del 1861
 
 e per controllare l'importante via di comunicazione del colle del Montcenis.
 
 Con il solo osservatorio affacciato sulla diga, il forte si trova in posizione defilata..
>>

 

  Forte Montfroid 
  
69 immagini
 
 

   Forte Mont froid, fortificazione francese realizzata tra il 1897 e il 1906 a quota 2820 m.
   Divisa in 2 blocchi realizzati sulle creste sommitali separati da circa 500 m. di postazioni d'artiglieria
   sorvegliava il Col du Petite Montcenis e di Sollieres contrastando il Forte Pattacroce sul versante
   opposto (a Nord del massiccio del Malamot) e controllando buona parte della valle dell'Arc.

 
 La grande Croce bianca in vetta in memoria dei caduti nei sanguinosi scontri dell'Aprile 1945..
>>

 

  Batteria La court 
  
49 immagini

 
 

 
 I resti della batteria La court, in una posizione altamente strategica,
   le incisioni rupestri lasciate dai soldati che la presidiarono e la relativa
   caserma fatti esplodere in seguito al trattato del 1947..
   (Vedi le immagini)
>>
  

 

  Batteria Paradiso           
  
48 immagini

 
 

 
 I resti della batteria Paradiso, sono per lo più inerenti la guardiola all'entrata della struttura
   in quanto lo scavo eseguito dalle ruspe alla fine degli anni '60 per erigere il grande
   muraglione di sbarramento della diga, ha portato via fisicamente la maggior parte della
   struttura. Rimangono a memoria la moltitudine di incisioni rupestri lasciate dai soldati
   sulle rocce circostanti..
>>
 
   
     

 



Dal 01/01/2008 questa pagina è stata visitata Hit Counter volte





Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 3188 visitatori nel sito