Montcenis
  
 
L'ambiente
 Strada in estate
 Strada in inverno
 
Diga in estate
 
Diga in inverno
 
Piana delle fontanette
 
Borgata Gran Croce
 
Piana di San Nicolao
 
Ghiaccio
 
Animali
 
Ricordi sommersi
 
Profilo altimetrico
  
 Fortezze
 Forte Varisello
 Forte Roncia
 
Forte Cassa
 
Forte Pattacroce
 
Forte Malamot
 
Forte Turrà
 
Forte Montfroid
 
Batteria La court
 
Batteria Paradiso


 Bunker

 
 Caposaldo Malamot
   Centro 1
   
Centro 6
   
Centro 7
   
Centro 8
   
Postaz. Corna rossa
   
Ricoveri del Giaset
   
Teleferica Malamot
  
Batteria B2

 
 
Capos. Pattacroce
   Centro 10
   
Centro 11
   
Centro 12
 
 
Caposaldo Ospizio
   Centro 18
   
Centro 19
   
Centro 20
  
Centro 21
  
Batteria B3
  
Postazione 29
 
 
Caposaldo Roncia
   Centro 22 e Bat. B4
   
Centro 23
   
Centro 23 B
   
Centro 24
   
Postazione 30
  Opere varie
   Teleferica Ferrera
   
Opera 302
 

  Vedi anche
 
  Mappa opere
 Piana delle fontanette
 Forte Roncia
 
Caposaldo Malamot
 
Forte Turrà

 
  Video
 In volo su Montcenis
 
Apertura 2009
 
Volo con Google Earth
 
Forte Pattacroce
 
Forte Roncia
 
Forte Malamot
 Festa dell'amicizia 05

 
  Reportage
 Inverno 08-09
 
Susa Moncenisio 06
 
Festa Moncenisio 06

 
  Panorami
 Panor. interattivi 360°
 
Panorami statici
  Forum sul
Moncenisio





Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !












 
 

Home >> Moncenisio >> Ricordi sommersi

Ricordi sommersi, il lago vuoto

Il fondale della diga semivuota visto dalla Route Nationale n° 6


    
Svuotamento     Ponte rosso     Ospizio     Bosco     Fondale     Diga 1     Diga 2     Diga 3
 
 

  
Solo quando si scende nell'enorme bacino divenuto distesa desertificata ci si rende conto di quanta
   superficie sia stata sottratta all'altopiano del Moncenisio.
  
Una distesa fangosa, desertica, surreale, direi quasi lunare, colma di piccoli tesori dischiusi dal tempo..
  
bisogna scendere, camminare, evitare ostacoli, sporcarsi e talvolta scivolare, ma l'emozione è garantita.
  

   L'attuale diga del Montcenis è stata realizzata nella seconda metà degli anni '60, furono spostati
   milioni di metri cubi di materiale dalla zona del l'ex
forte Paradiso per realizzare lo sbarramento.
   In queste rare immagini è possibile prendere visione del fondale, che durante un periodo di

  
svuotamento manutentivo avvenuto durante la primavera 2006, ha dato modo di rivedere il ponte
   rosso che conduceva all'ospizio, i resti della vecchia strada statale, le 3 dighe ex italiane realizzate
   negli anni '20, il bosco mutilato, le opere militari del Caposaldo Ospizio con il Centro di fuoco n° 18.
  
  
Anche se oggi giace sul fondale del grande lago ignobilmente raso al suolo senza lode, non bisogna
   
dimenticare che l'Ospizio pur sempre mantenendo il suo millenario ruolo ospitaliero, nel passato
   assunse sempre più
importanza come caserma comando della piazza militare.
   Alcuni reperti e documenti sono custoditi all'interno del museo al di sotto della chiesa piramidale.


   

 


 

Panorama 360° dall'interno della diga vuota
 
 
 

   La diga durante la fase di svuotamento  (TOP)

Canale di carico
Vista dalla strada
Entrando nella diga
Osservatorio
Scorcio verso Ovest
Presa centrale Venaus
Disgelo
Verso il muraglione
Vista dall'interno
Fondale
Erosione del bacino
Disgelo
Minimo livello
Zona centrale
Sul fondo




   Il ponte "rosso" sul torrente Roncia  (TOP)

Il ponte rosso
Sotto il ponte
Ponte di lato
Vista laterale
Altra vista
  

   L'antico ospizio  (TOP)
 

L'ospizio così come si presentava ai primi del 1900

    Il settore occidentale del complesso (Verso il Colle Montcenis) erano caserme di fanteria, Carabinieri, finanza, genio e
    trasmissioni, nei cortili interni erano situati gli uffici ed i relativi magazzini, il complesso poteva ospitare 2000 uomini e 300 cavalli.
    La struttura era recintata da un muraglione di circa un Km con un doppio ordine di feritoie, sugli spigoli orientale ed
    occidentale si trovavano 2 caponiere circondate da un fossato per continuare la difesa in caso di occupazione.
    La strada Nazionale attraversava la struttura per tutta la sua lunghezza lasciando dinnanzi agli edifici una vasta piazza d'Armi
    che veniva utilizzata per esercitazioni ed accampamenti.
    I due accessi alla struttura erano assicurati da postazioni sbarrate da portoni scorrevoli in acciaio.
    Una linea telefonica collegava la struttura al Rifugio n° 17 dove erano di stanza i carabinieri Reali a controllo del confine.


   Ecco cosa rimane dei pochi resti dell'ospizio rasi al suolo dalle ruspe dell'EDF (Società elettrica francese)

Strada di accesso
Basamento entrata
Scalinata
Resti strada
Macerie ospizio





 
  Resti del bosco  (TOP)


    Un tempo, proprio dietro il vecchio ospizio, all'interno dell'attuale bacino, furono piantati dei larici (Mélèzes) dai
    monaci che nel passato lo presiedevano, questi alberi crescendo crearono un boschetto fitto e rigoglioso che ahimè
    durante il secondo conflitto mondiale venne falciato per poi essere utilizzato come combustibile.
    Dalle immagini che seguono si possono ancora oggi rivedere sul fondale desolato i tronchi tranciati di netto con le loro radici.

 

L'ex bosco di Mélèzes
Tronchi tagliati
Resti di tronchi
Radici
Radici
Radici scoperte
Altri resti
Tronchi fossilizzati
   


 


 
Sul fondo della diga, le immagini di ciò che si può incontrare e vedere sul fondale  (TOP)
 

Il centro di fuoco 19 all'interno della diga realizzata negli anni '60 è nuovamente alla luce.

    Una distesa fangosa, desertica, surreale, direi quasi lunare, l'impressione di essere astronauti è molto vicina, bisogna scendere,
    poi camminare, sporcarsi e talvolta scivolare, come è capitato al sottoscritto in questo film d'altri tempi.
    Questo bacino in grado di raccogliere 315 milioni di metri cubi di acqua, proveniente dalle montagne circostanti,
    quando è vuoto schiude i suoi piccoli tesori nascosti lasciando scorrere la fantasia dell'intrepido visitatore.
    Qui sul fondo raramente alla luce del sole, tornano alla ribalta strade, rovine, dighe e bunker realizzati negli anni precedenti il
    secondo conflitto mondiale; la sabbia li avvolge, li custodisce e poco a poco con il passare del tempo li ingoia.

  
  

Filo spinato
Filo spinato
Sbarramento anti carro
Rudere
Rudere dietro
Resti di una struttura
Strada reale
Vecchia strada ss n° 24
Vecchia strada
Nelle sabbie mobili
Segni bombardamento
Vecchia strada
Collare di un bunker
Fosso anticarro
Bossolo




   Vecchio sbarramento 3, l'ultimo ad esser stato realizzato (prima dell'attuale)  (TOP)

Sbarramento
Sbarramento
Resti muraglia
Resti muraglia
Scorrimano
Camminamento
Camminamento
Camminamento
Opera idraulica
Saracinesche
Saracinesche
Particolare saracinesche
Vista da sotto
Particolare saracinesche
Particolare saracinesche




   Vecchio sbarramento 2  (TOP)

Sbarramento
Sbarramento
Muro e camminamento
Fori passaggio acqua
Muraglione
Sbarramento
Vista dalle alture
Entrata camminamento
Vista da N-Est
Vista da N-Ovest
Bacino "troppo pieno"
Congegno
Troppo pieno
Davanti al bacino
Davanti al bacino
Ruderi
Ruderi
Ruderi altra vista
   

   Vecchio sbarramento 1, il primo ad esser costruito negli anni '20  (TOP)
 

La prima diga realizzata al Moncenisio così come si presentava negli anni '20

    Intorno agli anni '20 venne realizzata la prima diga in muratura a secco semicircolare per aumentare la capacita del lago,
    che era già utilizzato per fini idroelettrici tramite una presa che raccoglieva le acque del rio Bar provenienti dall'omonimo
    ghiacciaio, per poi convogliarle tramite una galleria alla centrale di Gran scala nella piana di San Nicolao.
 
 

I
  Immagini dello stato attuale della prima diga realizzata nella zona del Moncenisio

La muraglia circolare
Muraglia precedente
Vista d'insieme
Entrata saracinesche
Locale saracinesche
Interni
Fossa saracinesche
Camminamento
Muraglia crcolare
Congegno
Congegno saracinesca
Comando saracinesca
Camminamento
Congegno saracinesca
Congegno saracinesca
Lo scorrimano
Locale valvole
Diga nell'insieme
Al di sopra
Vista da N-Ovest
Locale valvole
Locale valvole
     





  Vedi anche:

Ricogniz fotografica

Visita Bunker C 18

 

Album foto

La diga in estate

 

Album foto

La diga in inverno

 

Reportage

Passeggiata glaciale

 

Reportage 2013

23° Giro del lago

 
 
 

Dall' 18/01/2008 questa pagina è stata visitata Hit Counter volte   (Torna su)




Lascia il tuo messaggio                Leggi i messaggi relativi




Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 3160 visitatori nel sito