Montagna

 Assietta

  Percorsi
  
Luoghi
  
Fortificazioni

 Chaberton

  I sotterranei

 Rocciamelone

  La vetta
  
Percorsi
  
Rifugi
  
Borgate
  
Rovine militari

 Itinerari

  Gran Pertus
  
Jafferau
  
Pramand
  
Someiller
  
Colle Clapier  NEW
    Val Clarea
   
Clarea Col Clapier
   
Caserma Clapier
   
Col Clapier Montcenis

 Vedi anche
 
 
Mappe satellitari
 
 Video volo virtuale
 
360° Costa rossa
 
360° Col delle finestre
 
360° Testa Assietta
 
360° Rocciamelone
 
Corsa Stellina 2008
 
Rievocaz. storica 07
  Forum sul
Assietta Tou
r

  





Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !





 


Archivoltogallery
forum




La comunità del sito
con Forum di discussione
su fotografia, fortificazioni Moncenisio e Rocciamelone

 
 

Home >> Montagna >> Percorsi >> Someiller

Strada da Bardonecchia al colle Someiller

Un tratto della strada che porta al colle Someiller



    
Le immagini:  Rochemolles    lungo il percorso    rif. Scarfiotti    Strada    Colle Someiller    Ghiacciaio
 
 

   Il tracciato parte dal versante italiano dalla località di Bardonecchia con strada asfaltata fino a
   
Rochemolles in val fredda e prosegue sterrata fino al colle Someiller.
 
 Questa strada è la più alta dell'intera catena delle Alpi: 3.009 m s.l.m.
 
 La gran parte del percorso a partire da Rochemolles è a fondo sterrato, dal rifugio Scarfiotti (2.165 m)
 
 al colle, il fondo è più sconnesso adatto ai soli mezzi fuori-strada ed è percorribile per intero solo tra
 
 luglio agosto e parte di settembre (eccetto le domeniche). Sempre percorribile invece a piedi e in bici.
 
 
 
  La strada, inaugurata nel 1962; ha favorito l'apertura degli impianti di risalita per lo sci estivo sul
 
  ghiacciaio del Sommeiller. In seguito gli impianti sciistici sono stati chiusi nel 1980 a causa
 
 dell'arretramento del ghiacciaio e la sempre difficile percorribilità della strada.
 
 
 
  Dal versante francese non esistono strade carrozzabili che raggiungono il colle.
 
 Sul colle Someiller era presente anche un rifugio - Albergo, il Rifugio Ambin, smantellato nel 2004.
 
 Durante il breve periodo di praticabilità per intero della strada sul versante italiano, viene organizzato
 
  (non tutti gli anni) il raduno internazionale di mountain bike Raid Stella Alpina, con partenza
   da Bardonecchia ed arrivo al colle Someiller.
 
 


Panorama 360° Val fredda
 
 
 

   La zona di Rochemolles  (TOP)


   In Bardonecchia, a fianco al tunnel del Frejus si imbocca la Valle di Rochemolles dove si trova
   l'omonima
antica borgata a 6,5 Km da Bardonecchia con una splendida chiesetta del 1200;
   da qui un sentiero panoramico porta in 3 ore al passo della roccia verde a 2818 m. s.l.m.  
>>

La strada da Bardo
a Rochemolles
L'abitato di
Rochemolles
Una bella casa
di Rochemolles
La borgata vista
dall'alto
La borgata vista
dall'alto

   La strada che porta al rifugio Scarfiotti; le viste, la diga e le marmotte  (TOP)


   Oltre Rochemolles la strada diventa sterrata e polverosa, ma rimane praticabile alle autovetture,
   si costeggia la
diga di Rochemolles a 1980 m. s.l.m. che sbarra la valle su cui incombe la guglia
   rocciosa "Pierre Menue" a 3505 m. s.l.m.
   Continuando, i tornanti ricchi di allegre
marmotte portano in un luogo panoramico dove oggi sorge
  
 un monumento  a ricordo degli alpini caduti nel 1931 a causa di una valanga. 

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

   L'arrivo al rifugio Scarfiotti  (TOP)


   La strada prosegue fino al raggiungimento di uno splendido pianoro naturale a 9 Km da Rochemolles
   dove sorge il rifugio
Scarfiotti m.2135 s.l.m. in uno scenario selvaggio con un bellissimo laghetto dai
   
colori delicati e una serie di cascate.
   
Oltre al Rifugio Scarfiotti la strada degradata dal tempo ha perso l'asfalto degli anni d'oro ed è
   
percorribile solo in fuoristrada.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.





 
  La strada che dal Rifugio Scarfiotti porta al colle del Someiller  (TOP)


   Superata una serie di stretti tornanti, si raggiunge il
Piano dei Morti a quota 2400 m. in un ambiente

   montano e pietroso dove continuando verso il Colle Someiller (memoria dell'ing. Germano Sommeiller
   progettista del traforo del Frejus), 3000 m. s.l.m. (11 Km dal rifugio Scarfiotti) si possono ammirare
  
le alte guglie delle pareti più belle e interessanti della zona.
   I rocciatori qui avranno pane per i loro denti con numerose ed interessanti escursioni di varie difficoltà;
   quella facile al Gros Peyron 3047 m. quella più impegnativa alla Rognosa d'Etiache 3375 m. oppure le
   pareti più difficili della zona solo per scalatori esperti: le guglie dei Rochers Cornus 3170 m.
   o alla Torre Maria Celeste 3342 m.
   Il ghiacciaio, che si nota ora ricco di sfasciumi vicino al
laghetto sul colle, è quanto rimane di un ben
   più imponente
ghiacciaio  che in passato permise la creazione di una stazione sciistica estiva.
   Dal colle, sulle tracce di un ripido sentiero, è possibile raggiungere la Punta Sommeiller 3333 m.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.





 
  Il colle Someiller  (TOP)


   Una volta raggiunto il colle (è possibile farlo con i mezzi solamente in estate da luglio a settembre
  
escluse le domeniche), si nota subito il laghetto creato dalla fusione dei ghiacci.
  
Qui nel mese di Agosto si tiene la festa della montagna (la strada viene chiusa ai veicoli a motore)

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.


 
Vista dal laghetto glaciale sul colle Someiller



 
  I resti del ghiacciaio del Someiller  (TOP)


   Fino a venti anni fa, circa, a 3.009 m. s.l.m. del Colle del Sommeiller, ma già in territorio francese,
   esisteva un piccolo centro
di sci estivo italiano sul Ghiacciaio del Sommeiller.
   La stazione sciistica
era raggiungibile in auto pagando un pedaggio e solo da Bardonecchia.

   Sul colle esisteva anche un rifugio chiamato Ambin,
come il massiccio, smantellato nel 2004.
  
Il centro di sci estivo del Sommeiller aveva tre skilift: “Sommeiller” 2.850-3.200, “Niblè” 3.000-3.150,

 
 e “Ambin” 2.800-2.950.
  
Attualmente a causa del progressivo ritiro del ghiacciaio risulta difficile immaginare degli impianti

 
 di risalita e delle piste sugli sfasciumi e i detriti che hanno preso il posto del ghiacciaio, ma i resti sono
 
 purtroppo ancor oggi testimoni di quella località, provocando stupore e rammarico agli occhi di chi,
 
 arrivato lassù, si aspetta una valle glaciale incontaminata specialmente da rottami sparsi sui poveri resti
   del ghiacciaio.
 
 L'impianto di risalita più recente fu un "Leitner" del 1976. La stazione fu chiusa nel 1980.
  
Archeologia sciistica ?

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
   
 
 



Dall'ultimo aggiornamento del 7/06/2010 questa pagina è stata visitata Hit Counter volte






Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 6006 visitatori nel sito