Montagna

 Assietta

  Percorsi
  
Luoghi
  
Fortificazioni

 Chaberton

  I sotterranei

 Rocciamelone

  La vetta
  
Percorsi
  
Rifugi
  
Borgate
  
Rovine militari

 Itinerari

  Gran Pertus
  
Jafferau
  
Pramand
  
Someiller
  
Colle Clapier  NEW
    Val Clarea
   
Clarea Col Clapier
   
Caserma Clapier
   
Col Clapier Montcenis

 Vedi anche
 
 
Mappe satellitari
 
 Video volo virtuale
 
360° Costa rossa
 
360° Col delle finestre
 
360° Testa Assietta
 
360° Rocciamelone
 
Corsa Stellina 2008
 
Rievocaz. storica 07
  Forum sul
Assietta Tou
r

  





Home Panorami Susa città Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49° Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1° Red Bull K3

 
 
 
 24° Giro del lago

 
 
 
 27° Palio di Susa

 
 
 
 48° Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
può essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n° 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360° Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !





 


Archivoltogallery
forum




La comunità del sito
con Forum di discussione
su fotografia, fortificazioni Moncenisio e Rocciamelone

 
 

Home >> Montagna >> Percorsi >> Jafferau

Il tracciato da Bardonecchia e visita al forte Jafferau

Il forte Jafferau visto dalla strada sterrata che giunge dal Pramand



    
Le immagini:  Strada    dalla vetta    forte Jafferau    Oltre il forte
 
 

   Sulla vetta del monte Jafferau a quota 2875 m. si trovano i resti del Forte Jafferau armato con 8 cannoni.
   
L'opera, realizzata nel 1897 fungeva da fortificazione armata con annessa polveriera e locale spolettamento.
   Da questo forte, secondo per altezza soltanto al Forte Chaberton, durante il secondo conflitto mondiale furono

   cannoneggiate numerose postazioni difensive francesi e Modane per coadiuvare l'attacco delle truppe italiane
   del giugno '45.
  
Alla fine della seconda guerra, la struttura fu bombardata e distrutta in seguito al trattato di pace del 1947.
 
 

 
 

   La strada che conduce al forte Jafferau  (TOP)


   Il tracciato parte dal versante italiano dalla località di Bardonecchia con strada asfaltata fino quasi a Gleise.
   Per raggiungere la vetta dello Jafferau, come dalle immagini, siamo partiti da Bardonecchia attraversando
   le frazioni di Gleise e Gr. Broue, dopo di che in prossimità dei bacini abbiamo preso verso sinistra passando nella
   zona Fregiusia.
   La strada ora piu' ripida e difficile, è ideale da percorrere a piedi, Mountain bike, e moto da trial.
   E' molto dissestata, ed inoltre attenzione ai divieti che cambiano spesso e volentieri.
   Le piste da ski dello Jafferau e l'impianto di risalita "
Testa del Ban" accompagnano il resto dell'ascesa.   >>

La strada in ripida salita
accanto allo skilift
La strada in ripida salita
accanto allo skilift
Una marmotta prende
 il sole lungo il tracciato
La vista guardando
dall'alto verso valle
La stazione di arrivo
di un impianto

   Alcune Viste dalla vetta del monte Jafferau  (TOP)

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

   Il forte Jafferau  (TOP)


   La batteria era collegata al forte Foens tramite una teleferica che partiva dal Constans (frazione di Oulx) con
   percorso Constans - Foens - Jafferau. Di questa teleferica rimane ben poco e tutto è ridotto a ruderi.
   Alla fine della seconda guerra,la struttura fu bombardata e distrutta in seguito al trattato di pace del 1947.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.





 
  Un tratto di strada sul versante opposto  (TOP)


   Oltre il forte un tempo la strada permetteva di continuare e discendere nella valle successiva in un ambiente
   montano unico e ricco di opere fortificate ottocentesche.

   Dopo la visita dei ruderi e la contemplazione dello splendido panorama è possibile scendere dalla sommità della
   montagna e concludere il giro dal versante opposto lungo la strada militare che conduce tramite il Col Basset
   al forte
Foens, per poi raggiungere le grotte dei Saraceni ed il Pramand.
   La strada militare Jafferau-Foens-Pramand è uno dei più bei percorsi d’alta quota della Valle di Susa.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
     
 
 



Dall'ultimo aggiornamento del 10/06/2010 questa pagina è stata visitata Hit Counter volte






Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, è vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 1104 visitatori nel sito