Rocciamelone

 La vetta
 In vetta !
 Dall'esterno

 Percorsi
 Strada Susa-Reposa
 Mulatt. Susa-Reposa
 Reposa-Vetta
 
Malciaussia-Vetta
 
Novalesa-rif. Stellina
 
Moncenisio-rif. Stellina
 
Rif. Stellina-Vetta

 Rifugi

 CÓ d'Asti

 Il Truc
 
La Riposa
 Stellina
NEW !
 Tazzetti
 Vulpot

 Borgate
 Alpe Crest
 
Alpe Pendent
 
Alpe Monio
 
Cugno
 
Trucco
 
Tour Mompantero


 Rovine militari
 Batterie Paradiso
 Batterie Pampal¨ sup.
 Batterie Pampal¨ inf.
 Telef. Cugno CÓ d'Asti

 Vedi anche
 
 
Mappa Satellitare

 Panorami 360░
 360░ Ecova
 360░ Pampal¨
 
360░ Trucco
 
360░ Reposa
 
360░ Ca d'Asti
 
360░ Vetta
 360░ Cresta N-Ovest
 
360░ Ghiacciaio
 
360░ Rif. Tazzetti

 
 Panorami statici
  
 Reportage

 Trail 3030 VK
 
Memorial Stellina 2008
 Memorial Stellina 2007
 
Challenge Stellina 2006

  
 Video
 Volo sul Rocciamelone
 Ascesa da Sud 07/07
 Ascesa da Nord 07/07
  

 Varie

 Mompantero
 Novalesa

 
Vecchio sito
 
Forum Rocciamelone





Home Panorami Susa cittÓ Val di Susa Montcenis Montagna Reportage Video Facebook

 
 

 Last News
 
 
 
 Awesome Moncenisio

 
 
 
 49░ Castagna d'Oro

 
 
 
 Susa 1░ Red Bull K3

 
 
 
 24░ Giro del lago

 
 
 
 27░ Palio di Susa

 
 
 
 48░ Castagna d'Oro

 
 
 
 
 Continua >>
 
  

  Annunci: 

 
 Questo spazio
 
pu˛ essere tuo !


 www.tizianoruffa.com
 

 Scuola Sleddog e
 allevamento cani da

 
slitta al Moncenisio

 

    

  
Visite guidate



Tour tematici
in Valle di Susa

 

   

 
 

 
Materassi, arredi
tappezzerie a Susa

 

   

  
Studio immobiliare

a Susa in
Piazza Europa n░ 7

 

   
 Da non perdere
 

 Sacra di San Michele
 
Il Gran Pertus
 
Rocciamelone in volo
 
Ricordi sommersi
 
360░ Rocciamelone
 
Video Rocciamelone
 
Video alluvione 2008
 
Frais neve Record
 Campanile di San Giusto
  

 Radio e TV

 


Newsletter


Iscriviti e sarai
aggiornato via email !




Dona !


Sostieni Archivoltogallery !






 

Archivoltogallery
forum




La comunitÓ del sito
con Forum di discussione
su fotografia, fortificazioni Moncenisio e Rocciamelone


 
 

Home >> Montagna >> Rocciamelone >> Rovine militari >> Batterie Pampal¨ sup.

Batterie Pampal¨, opera superiore 

Il Pampal¨ visto da Est; ripetitori e vegetazione nascondono ci˛ che resta del forte


Vista da Ovest; anche da qui non c'Ŕ modo di distinguere le opere ben celate tra la vegetazione



    
Le immagini:   Ingresso opera    Caserma comando    Piazzole cannoni    Muraglia Est
 

   
   I resti del forte Pampal¨, ricordato da un vecchio canto degli alpini, si trovano sul monte Pampal¨
   a m. 1.600 sulle pendici S-Ovest del massiccio del Rocciamelone, raggiungibile dalla strada Susa-Reposa.
   La posizione strategica e panoramica, a picco sulla cittÓ di Susa, aveva un ampio campo di tiro che
   spaziava tutta la Val Cenischia fino all'imbocco del valico del Moncenisio, offrendo pieno controllo della
   strada Napoleonica che da Susa tramite il Molaretto e Bar cenisio conduceva alla frontiera.
   Eventuali infiltrazioni nemiche sarebbero state contrastate prima dell'arrivo a Susa.
  
   Le batterie Pampal¨ coadiuvate dall'opera inferiore e dalle batterie Paradiso furono edificate nel 1891
   quando la paura della Francia imponeva un secondo sistema difensivo arretrato situato alle spalle delle
   massicce fortezze del valico del Moncenisio.
   L'opera disarmata nel 1921, durante la seconda guerra mondiale fu ri-armata con una batteria dotata
   di quattro cannoni presidiati dalla Gaf, la "Guardia alla Frontiera", un corpo composto da finanzieri
   che portavano il cappello alpino, ma senza la tipica penna nera.

   Nell'agosto 1920, il presidio militare di Susa autorizz˛ l'utilizzo delle teleferiche militari sul Rocciamelone
   per favorire le operazioni a scopo "civile" di trasporto sulla vetta dei materiali edili necessari
   all'edificazione del rifugio santuario.
   Gli alpini del Pampal¨ fornirono un enorme contributo permettendo di concludere il trasporto fino
   a Ca d'asti entro agosto tramite l'ausilio di alcune squadre di ottimi soldati scelti.
  
   Ora invase e conquistate dalla tecnologia per la diffusione delle radio e tele comunicazioni le opere
   del Pampal¨ si distinguono a malapena in mezzo a tralicci, cavi, antenne, e come al solito immondizie.



 

Panorama 360░ dal monte Pampal¨
 
 
 

   Ingresso dell'opera   (TOP)


    Il massiccio portone d'entrata dall'aspetto monumentale reca ancora i resti della dicitura "Opera Pampal¨" "Batteria superiore"
    e la data in numeri romanici che purtroppo vÓ staccandosi di anno in anno.
    Il portone era separato dall'esterno tramite un ponte levatoio al di sopra di uno scavo perimetrale a difesa dei muri di cinta.
    All'interno si possono vedere ancora oggi alcune incisioni sul pavimento lasciate dai soldati che presidiarono l'opera
 

Entrata monumentale
Entrata da dentro
Dall'interno in primavera
Dall'interno in primavera
Iscrizione sotto l'arco
Iscrizione sotto l'arco
Iscriz. sul muro laterale
Iscrizione su una pietra
Caserma vista da fuori
Entrata da dentro





 
  Interni della caserma  (TOP)


    Visita all'interno della caserma che ospitava il personale di stanza all'opera Pampal¨.
    La caserma era edificata su 2 piani fuori terra ricavati nello sbancamento della roccia della montagna, in posizione defilata.
    Fornita di un ampio locale d'ingresso rifinito con volta in mattone pieno di ottima fattura, la struttura non dimostra la sua etÓ,
    tranne per gli asporti successivi dei solai e pavimenti l'opera privata anche di tutti i servizi Ŕ in buone condizioni generali e
    porta molto bene i suoi anni anche senza manutenzione dal secondo conflitto mondiale.
    Le camerate al centro sono separate dal muro esterno da uno stretto corridoio perimetrale che gira attorno su tre lati, quattro
    con l'entrata, rendendo l'ambiente isolato dalla roccia e dal freddo.

 

Entrando nella caserma
Verso l'entrata
Corridoio perimetrale
Corridoio perimetrale
Corridoio perimetrale
Corridoio perimetrale
Presa d'aria interna
N░ 36 entrata camerate
Camerate su 2 piani
Vista interna
Monconi soletta
Monconi soletta
Pavimento asportato
Foro soffitto per stufa
Scavo interrotto





 
  Le piazzole per i cannoni e le riservette  (TOP)


    Un ultimo piccolo tratto di strada separa la caserma dalle batterie vere e proprie dove sono ancora visibili le piazzole che
    ospitavano i cannoni e le relative riservette talvolta occupate dagli impianti ripetitori per le telecomunicazioni.
    ChissÓ che avrebbero pensato i comandanti dell'epoca se avessero saputo che un giorno sarebbero stati invasi dalla tecnologia

 

Tra caserma e batterie
ruderi
Le piazzole dei cannoni
Una piazzola
Altra piazzola
Piazzole da Ovest
Iscrizione sul muro
Riservetta occupata
Riservetta num░ 47
Incisione "n░ 47"


    Chi visita queste opere, o si avvicina anche solo per una passeggiata un pic-nic o escursione Ŕ bene che non lasci
    tracce del suo passaggio e che non asporti il poco che rimane.
    Inoltre Ŕ sempre bene ricordare la pericolositÓ di queste opere prive di manutenzione dal secondo conflitto mondiale.

 

Interni riservetta n░ 47
Interni riservetta n░ 47
Verso l'entrata n░ 40
Entrata ostruita dai pali
Num. 40 sopra l'accesso
Interni riservetta n░ 40
Interni riservetta n░ 40
Vista dal piazzale
Accesso riservetta
Accesso riservetta
Interni
Interni
Altri locali verso Est
Entrata riservetta
Interni riservetta
Locali riutilizzati
Riservetta ripetitore
Incisione "Riservetta"
Invasione di ripetirori
Susa vista da Pampal¨





 
  Il muraglione perimetrale Est con i resti di un baraccamento  (TOP)

Muraglia verso Nord
Muraglia verso Nord
Entrata secondaria
Vista interna entrata 2░
Particolare della chiusura
Interno entrata 2░
Incisione su pietra
Spigolo muro N-Est
Resti posto di guardia
Vista da S-Ovest
Finestra
Resti dei muro a secco
Resti entrata
Vista da Nord
 
 
 







Immagini realizzate da Flavio Mariazzi, Ŕ vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato








 
    

Condividi questa pagina Bookmark and Share


Home   News   Preferiti   Dillo a un amico   Prendimi

   Note autore   Contatto   Newsletter   Link   Meteo  

In questo istante sono presenti 1033 visitatori nel sito